Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti -
Poesia di Gabriele -

Sfibrosi ciclica -


Vero?
Domando al dire,   per sopravvivere al vivere imposto
se c'è,   come si fà? La vita merita una vita da poesia
visto che proposta in dono è molto bella.
Anche per il gusto di solo far vissuto io la poeterei...
che paglia e fieno sia meglio della sabbia a far da riva al mare,
non frega più a nessuno della sabbia... basta che c'è il mare
con le onde alla marina...
Mah!  quando si è in molti  artefici con artifizi vari e illegali
logici e illogici di cosa non si sa mai il perchè la vita alla  data per imparare
già è vissuta  del vivere  privo d'inibitori votati all'eccesso della follia,
al presente la giovinezza mancata è vecchiaia mentale mangiata
dagli stimoli droganti.
Poi,   dal nulla pressato del niente impossibile  è portato a essere poeta
per due parole stese all'amore è un'asciugato mentale con testa  da strapazzo
Il suo  vissuto è una zingarata piacevole da vedere,  da non emulare
è una notte in  pieno  giorno un nero che cupa la luce grigia.
Il nero è nero.
La vita così vissuta  è una sfibrosi ciclica scambiata per nevrosi ... mia,
è la carne che abbandona il nervoso che è in noi per vivere stritola il tremore
all'alba di guardia alla vendetta  parkjnsoniana.
Nessuno più  zappa la ragione prima di rspondere pure per cavare un fiore dai ricordi.
Meglio adesso d'impeto con eccesso per onorificenze senza  compromesso
non si esita si agisce all'improvviso da  mammiferi vegetali sulla tua terra ooh Dio
la fauna animale è  cannibale al naturale.
Tutto si rompe,  tutto per ciò  si distrugge perchè nessuno ci conforta
con la fede di credere in noi stessi  tutt'ora stressati.