Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti
Poesia di Gabriele
Senza parole

Senza parole,
le chiacchiere politche riempiono d'auguri natalizi
i contenuti di un dialogo in una stretta di mano.
Coprono all'occhio, come possono il da farsi
su di me grave canuto di precoce vecchiaia
s'agita l'incomunicabilità nel tremor fregata.
Ooh Signore come stò io che vivo, rovinato vive
la mia bella Italia spreddata dall'euro è nelle
grinfie spietate della morbosa europa suo dottore
esperto in patologia politica economica studia la
nostra repubblica parlamentare ormai all'ultimo
stadio parkinsoniano con al capezzale il suo
untore bellicoso berlusconiano, è nei suoi… anta
un avvizzito terribile signore che scalcagna a
zompetti su di me.
Per il suo peso, vuole il mio voto!
Di persona lo cerca con chiacchiere sfuse sulle
varicose gambe gonfie di dolore.
Lo sà lui che io vuoto nel cuore, sono una cartina buona
da giocare per il suo rilievo, o per conoscere il viale
del tramonto cui la mia vita s'avvia scartina inutile
accompagnata dalla demenza senile.