Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gabriele/poesia-di-gabriele-isterica-violenza.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2FicmllbGUvcG9lc2lhLWRpLWdhYnJpZWxlLWlzdGVyaWNhLXZpb2xlbnphLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Gabriele 
    Isterica violenza

    Amico che scherzando chiedi dove sia ciò che non
    vedi e trattiene il mio vivere ben..Ti dico è una
    pietosa catena che cinge la mia persona intorno
    al collo, una spaventosa illusione di essere o non
    essere penso, io sono vivo?  Signore.
    Visto che son cercato forse sono come uno di loro,
    Dio! Io la vivo a metà aspettando confuso nella
    speranza rubata da chi vuole solo giocare emozioni.
    Disabile sono? Ooh Dio fammi vivere con i disabili!
    Quando io vorrei una vita da vivere con il cuore mah,
    amaramente la mia presenza è fumo negli occhi per
    tutti un bluff tra realtà e fantasia son una massa,
    flaccida nel c'era una volta in una storia da raccontare,
    percettibile antimateria palpabile dal viso umano.
    Ooh Dio cosi facendo non elimino il dolore fisico
    ma trattengo in luoghi bui il dolore interiore isterica
    violenza particolarmente odiosa per l'anima mia.

    Commenti

    Potrebbero interessarti