Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gabriele/poesia-di-gabriele-il-mio-lavoro.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2FicmllbGUvcG9lc2lhLWRpLWdhYnJpZWxlLWlsLW1pby1sYXZvcm8uaHRtbA==
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poeti Emergenti -
    Poesia di Gabriele
    Il mio lavoro

    Con le carte, la vita è a un passo dal cielo
    per tornare a sorridere con la cartomanzia
    sognando una password per entrare con
    la fantasia nel passato della vita mia.
    In cielo in terra in ogni luogo Ooh Dio, il mio
    è un gioco ludico per tornare a vivere per
    essere tal qual'ero.
    Le mie mani confuse di morte tremano dal male
    ricevuto da te hanycappato gridano callose a squarciagola
    ritornarnando a lavorare per il piacere di fare il mio lavoro.
    Si può! Mi piace all'aria aperta usurando la schiena fradicia
    al sole il sudore al vento temporalesco con i miei fulmini
    e saette mastico la rabbia sorrido nella dignità di farlo
    con onestà e medesimo impegno.
    All'alba preso la mattina scaldo i motori con i raggi
    del sole si contavano i colori di un arcobaleno sfaccettati
    brillanti gioielli gocce di sudore era rugiada che sul corpo
    scorreva nell'usar le mani forzose.
    Le ruote delle carriole stracariche di resino è la storia
    viva di un lavoro pesante in un futuro da raccontare.
    Di questo lavoro ogni giorno il quotidiano si scardina
    per lavorare per un tozzo di pane a casa da riportare.
    Tra di noi la gara era un continuo assedio per lavorare
    con impegno coinvolgente con le ali la mente per volare.
    Con il pensiero di realizzare su quel cortile con il sottofondo
    sconnesso staggiato a pendenza tarato a lucido per essere
    pronto mirato con l'occhio steso lungo lo spago tirato che di li
    a poco iniziava a cantar lo squadro alla mia ciurma di manovali
    viandanti che su e giù muovevano le betonelle colorate
    al suono del mastro pifferaio Giampiero che dal niente per terra
    componeva con l'anima il pavimento lì con il cuore in gola
    realizzando l'idea di chi contento doveva pagare la fattura.
    Quella sua composizione d'arte era, ed è il suo lavoro per sempre
    che a tutti i curiosi volenterosi insegnava il mestiere.
    Perché, mai essere gelosi con chi ha voglia e ingegno per
    imparare a realizzare qualcosa di bello lavorando da ricordar.

    Commenti

    Potrebbero interessarti