Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti -
Poesia di Gabriele -
D'una farfalla

Ooh vita! Quella mia è solo la parentesi d'una farfalla.
Invece tu oggi e domani sei sempre in prima linea
vispa da una vita, la mia è un dovere da te imposto
ch'io compio in questo disgraziato sottinteso vivere.
Non c'è nessuno che si avvicina, per dire: Ora
tocca a me portare a spalla, per contratto, la croce
parkinsoniana maledetta uguale a quella di Gesù
con la speranza di trovare quel ladrone da crocifiggere
perché senza salute con quel poco d'amore è fuggito via.
Giammai! "Riposati con i giochi ludici"… Giampiero.
Anima mia non ti fissare disabile anche se nel pianto
non c'è gioia nella felicità di trattenere un sorriso per
la vita. Dopamina! Della levodopa giochi amminoacido
e ti consumi a goccia, pensando all'alterato sangue che
trattiene il desiderio impellente d'andar di corpo. Ahimè,
son sforzi incapaci in un corpo senza salute vuol dir morire
per la vergogna disabile d'una malattia che ti rende inutile.
Prende il cervello quel cigolio spietato penetra ripetuto
allo stremo è l'eterno rumore che rovina dell'interior le orecchie.