Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Gabriele - .
.. della disabilità umana


Tranquillo! Ooh dottor Neurologo
che chiedi la condivisione del male
per un periodo di stage interiore.
Vuoi riflettere studiare la realtà di
chi la vive per sapere di più sulla
cattiva malattia? Dai se vuoi, son qua .
Sai, devi alzarti presto la mattina.
Parkinson, è colui che avanza sempre
qualcosa dallo zero imposto sono io con il
fisico rotto ci arrivo come avanzo di galera
umano che giunge sfinito al punto zero
dell'eternità, il suo obiettivo! Ipocrita.
La storia si racconta da sola sempre con la solita
poesia messa lì da Giampiero su internet.
Vero dottoricercatore, lo vedi?
Lui sta lì al fresco delle ossa ch'aspetta
riposato pimpante, con il dolore frizzante
attende il sangue che al guado spuma
per fregar la levodopa al mercato nero
avuto dal Sinemet che ahimè… Sfuma!
Nelle sue possibilità si far capire eccome
l'amico parkinson.
Ooh mio Signore, della disabilità umana
comunque generata non frega a nessuno
nè per dare aiuto o elemosina che sia.
Sopportata è la disabilità solo grazie alle
leggi imposte dallo stato sociale per stare
al passo della carità strenuamente amata
quando serve a chicchessia per tirare
a sorte il vivere della vita da ammazzare.