Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lurlo di Munch
Poeti Emergenti
Poesia di Gabriele
Ad  interim

Ad  interim! Maledetto parkinson vuoi proprio tutto di me.

Mah io non sono una tua materia da studio universitario.
Sulla mia pelle vuoi agire per la tua virtù d'essere
chiamato dottore… invece ricorda, malnato che sei,


in terra il nulla di definito è provvisorio per tutti la
vita in discussione c'è la parola di Dio, ch'aiuta, non è bugia!
Con l'umore sotto le scarpe la vecchiaia in me sorgiva
in prematura sede vuole prendere il sopravvento
coprendo il corpo con un velo di tristezza la sua noia di
conquista verso la mia vita. Dai dai dai eeh dai Giampiero
lui è stonato come una campana il pezzo di bronzo non
sa dove va con il volto vuoto d'interesse privo di certezze
cammina su un guado di sassi e terra, lascia le orme del
suo passaggio pesante, grave cadono i sogni delusi
guasti dalle infernali realtà terrestri deposti in un cassetto
lasciati a marcire dal destino.
Chi col cuore prega in silenzio per non lasciarsi andare
soffre come un pazzo, per un miracolo che non arriva mai,
come chi col cuor rinnega il dolore dilaga nel cervello,
sconvolge.
Vuoi vivere Giampiero? Sì! Eeh allora stringi le chiappe
a te stesso pensa, deponi gli ideali e scansa la malvagia ira
che distorce il profilo interiore cercando di realizzare
il tuo futuro.
Ambiguo, attraverso la lente del sacrificio le impervie
problematiche raccolgo e sfogo nel sudore il suo malore.

Potrebbero interessarti