Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Racconto biografico di giampiero iezzi.


Qualcuno per gioco mi disse  "anche senza grafia, datti allo scritto e componi poesia".Grazie  al  medico di base, forse pazzerello,  poesiando  a piccole dosi son menestrello e  in  malattia scordo la solitudine del pipistrello.  Appeso con i sogni sul davanzale raffino il mio estro con i ghirigori nell'aria delle rondini. Inserisco oggetti con soggetti un pò di aggettivi in un litigio di avverbi  pieno di riverberi  per i verbi furbi...tutto, per abbellire quel carretto di frasi per fare l'immagine della felicità,   con un pò di primavera.  Quattro frasi buttate lì allo stato brado non fa primavera!  Lo scrivano che nutre di poesia il mio poeta  esprime in prosaico  ed è bocciato all'esame di stato della grammatica italiana.  Per ognuno è tosto digerire  l'identita poetica per scrivere e, far si che il capire non sia il solito diverbio  alla dogana. L'Anima , vive il dramma  al passo di frontiera è sempre straniero di sentimenti per vivere le emozioni  di chi scrivano  si sente un pò poeta.Con la mente sul computer,  il pensiero io intingolo su internet,  frastagliando navigo nel  portale celeste di idee tasto su Google di lei..... gentile lui! per i timidi come me che  già ama per far l'amore e cerca l'amicizia  per compagnia,  indica il sito facebook  "clicca il suo  nome per incanto il suo volto in file avrai".  Mi dice,  ancora , "la vuoi cercare?   Inviale un messaggio!" Ok! il fatto  con un click va. Ogni lunedì....Lei mi tocca il cuore  con gentilezza dall'anima  trascina i miei dolori al limite nel sogno poi con un sorriso trarli dal mio corpo via   Lei è una terapia gassosa  con la voce  e,  le dita sul dilaniato corpo mio.