Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Gabriele D'Annunzio 
Dal Monte Pincio
Sorge lavato il monte, fragrante di fresca verdura,
trepido e il ciel di maggio ride alla rotta nube.

Pace nell'aria viene dal bel lacrimevole riso ,
cui vaga pur d'altezza l'anima nostra attinge,

cui balenando in cima le cupole attingono e gli alti
alberi che gran serto fanno a' tuoi colli, o Roma.

Mite risplendi, o Roma. Cerulea sotto l'azzurro,
tutta ravvolta in velo tenue d'oro, giaci.

Sopra correa la nube, con tuono lungo echeggiante;
ecco, ed il ciel di maggio ride alla rotta nube.

Tal, dopo sì gran guerra, dopo tanta notte funesta,
dopo l'amaro tedio, dopo il lamento vile,

(lungi per sempre, lungi, o sogni, dell'anima nostra;
sogni, che troppo un giorno perseguitammo in vano!)

l'anima, liberata di tutte le procelle, respira;
non il ricordo l'ange, non il desìo l'acceca,

più non la morde cura d'antichi amori o novelli,
ansia non più l'affanna d'altri ignorati beni.

L'anima sta: tranquilla rispecchia la vita e raccoglie
entro il suo vasto cerchio l'anima delle cose.