Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Gabriela Mistral
La donna sterile

La donna che non culla un bimbo nel suo grembo,
il cui calore e aroma raggiunga le sue viscere,
ha tra le mani sue la stanchezza del mondo;
un'infinita angoscia le intride tutto il cuore.

Il giglio le ricorda la tempia di un bambino;
e l'Angelus le chiede altra bocca che preghi
e interroga la fonte dal seno di diamante
perché il suo labbro spezza il cristallo tranquillo.

E nel guardarsi gli occhi si ricorda la zappa;
pensa che nel vuotarsi dei suoi non vedrà estatica
dentro quelli di un figlio il fogliame d'ottobre.

Nei cipressi ode il vento, con duplice tremore.
E una mendìca incinta, il cui seno fiorisce
come messe a gennaio,
la copre di vergogna.

Gabriela Mistral (pseudonimo di Lucila de María del Perpetuo Socorro Godoy Alcayaga; Vicuña, 7 aprile 1889 – New York, 10 gennaio 1957) Premio Nobel per la letteratura, nel 1945.

Leggi le più Belle Poesie di Gabriela Mistral

Gabriela Mistral la trovi anche in Aforismi Frasi e Citazioni