Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Gabriela Mistral
Intima

Non stringere le mie mani.
Verrà il tempo infinito
di riposare con molta polvere
ed ombra tra le dita intrecciate.

E tu dirai :
"Non posso
più amarla; le sue dita
si sgranarono come le spighe".

La mia bocca non baciare.
Verrà l'istante pieno
di spenta luce, senza labbra
starò sotto un umido suolo.

E tu dirai: "L'amai, ma non posso
amarla più, ora che non aspira
l'odore di ginestre del mio bacio".

E mi rattristerò nell'udirti;
tu parlerai come un cieco ed un pazzo,
perché la mia mano sarà sulla tua fronte
quando le dita si spezzino,
e scenderà sopra il tuo volto
pieno d'ansia, il mio respiro.

Non mi toccare dunque. Mentirei
nel dirti che ti dono
il mio amore nelle braccia mie protese,
nella mia bocca, nel mio collo,
e tu, credendo d'averlo esaurito
ti sbaglieresti come un bambino ingenuo.

Perché il mio amore non è solo questo
stanco e restio covone del mio corpo,
che trema tutto offeso dal cilicio
e in ogni volo mi resta indietro.

È ciò che sta nel bacio e non nel labbro,
ciò che spezza la voce e non il petto:
ma è un vento di Dio, che passa lacerando
nel suo volo, la polpa delle carni.


Gabriela Mistral (pseudonimo di Lucila de María del Perpetuo Socorro Godoy Alcayaga; Vicuña, 7 aprile 1889 – New York, 10 gennaio 1957) Premio Nobel per la letteratura, nel 1945.

Leggi le più Belle Poesie di Gabriela Mistral

Gabriela Mistral la trovi anche in Aforismi Frasi e Citazioni