Poesia di Francesco Paolo Catanzaro Tutti i dolori del mondo
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Francesco Paolo Catanzaro
Tutti i dolori del mondo

Vi abbraccio ora che non posso
e vi bacio  
ora che la distanza non me lo permette
perché  ogni sofferenza sia riconosciuta  
come piaga dell'anima
infelicemente dimentica  
della vera natura umana.

E nel bene e nel male un calvario siamo
che ottenebra la spavalderia di chi ha fatto idoli
e non ha ascoltato più la voce del suo cuore.

Stasera nella nostra prigione  
la croce le mille croci
un unico grido
ci sconvolgono, ci atterranno
e parole di speranza ci fanno risorgere
più forti di prima, più umani di prima.

I dolori, questi dolori del mondo  
possono trasformarsi in grani di rosario
e raggi di luce solo se lo vorremo
in questo nostro paesaggio di silenzio
e acqua che santifica e lava  
le nostre fragilità di defunti
oltre le nostre forze della risurrezione.

Leggi le più belle Poesie di Francesco Paolo Catanzaro