10212017Sab
Last updateVen, 20 Ott 2017 3pm

Poesie di Francesco Gaeta


Francesco Gaeta, nato a Napoli nel 1879, vi morì nel 1927. Rivelato da Benedetto Croce, di cui rimase discepolo ideale, pubblicò vari libri di poesia (Sonetti voluttuosi e altre poesie, 1906; Poesie d'amore, 1920, fra i principali). Trascriviamo un giudizio del Croce: «L'accento principale o il sentimento dominante e generatore del Gaeta si potrebbe definire, piuttosto che l'amore, l'amore dell'amore, quasi di cosa che non si possiede davvero se non nel rimpianto di non possederla più, nella coscienza che il suo incanto è la fugacità, la sua sincerità, la sua rinascente illusione, la sua realtà, l'irreale». Ricordiamo la sua tragica fine: il venerdì santo del 1927, dopo aver sepolto la vecchia madre, a Napoli, tornò dal cimitero, scrisse un biglietto («Mia dolce mamma, ti seguo»), e si uccise. Il Croce, dopo la morte del poeta, curò la pubblicazione di due volumi di prose e poesie scelte.


Sezioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info