Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Fausto Maria Martini
Senza ragione...

lo so: la tua dolce anima dispera
già di guarire, povera ammalata...
Ebbene: oggi, per te la mia velata
poesia sarà tenera infermiera.

Anch' io piangevo, quando ti colpì,
la prima volta, questo nuovo male...
Un giorno grigio, estenuato, eguale,
e ti mettesti a piangere, così!

Così, com' oggi senza una ragione,
perché ti sembra piangano le cose,
perché l'ore son come dolorose
sorelle che non sanno una canzone,

che senza canti vengono, né fiori,
e ognuna in sua gramaglia si nasconde, '
e tanto grave intorno a sé diffonde
malinconia, che tu quasi ne muori!

Piangi e ricordi una serena attesa
di sole dopo la follia notturna,
e un' alba scialba e ancora taciturna,
con un subito cantico di chiesa...

Credemmo, allora, che una mano ignota,
sulle porte, turiboli bruciasse
di molto incenso, e che s'inebriasse
dell'alba la patema casa vuota...

Niuno di vane attese ci consola,
oggi, e il poeta povero non ha,
per farti un dono di serenità,
che l'arte, triste, della sua parola.

Pure, egli dice: «Un ultimo barlume
rischiara, appena, la solinga via,
Vieni; ti passa la malinconia...
Noi scenderemo dove canta il fiume».

Rispondi tu: «Poeta, non sappiamo
noi dove andare! Eppoi, t'inganni: è un pianto
quello del fiume che tu chiami un canto...
Quando nasce, un singhiozzo: non usciamo».

«Amica mia malata, senti: metti
per una volta quel tuo vecchio scialle
di lana che ti copre e capo e spalle,
e se fa freddo, andremo stretti, stretti...

È un po' lunga la strada: ma, che fa?
Giungeremo là dove, col fragore
del treno, in chimerico bagliore
passa e dilegua un lembo di città!»

«Non andremo, poeta, e non andrai...
La stazione soffre in solitudine,
e il giardinetto ha i suoi cespugli nudi,
e un caro atteso non vi giunge mai...»

da Poesie provinciali