Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Fausto Maria Martini
Invito francescano

Vieni: la neve non è più sui monti.
Appena, forse, imbianca Terminillo,
ma son liberi il timo ed il serpillo,
ma gonfie d'acqua son tutte le fonti.

Qualche traccia lasciò, come di brina,
tracce di neve il perfido Gennaio:
onde, se guardi, pensi che un mugnaio
distratto abbia perduto la farina...

La nostra vita è qui dolce e sincera:
vieni e il mio sogno ti sorriderà...
non case adorne come alla città,
ma vi sorprenderai la Primavera.

Ch' ella discende con sua lieta corte
per queste rupi, e tu non indovini
ov'ella nasca e per quali cammini
con i mandorli giunga alle tue porte.

Ora son certo che ngn ti rincresco,
se parlando con te, soave amica,
ov'è vera letizia anch'io ti dica
come a frate Leone San Francesco...

Pecorella di Dio, ecco già sento
che ti duole la troppa solitudine...
n mio giardino è triste, coi suoi nudi
cespugli, come l'orto d'un convento...

Ivi è letizia: se vi scende il sole,
dolcemente così veste i rosai .
come la lana veste gli arcolai
come il tuo riso veste le parole...

Se tu sapessi quanto la tua seta
sia vana nella rustica contrada...
per il decoro basta che tu vada
umile nella tua veste discreta.

Sia fatta a molte pieghe la tua gonna,
come di moda cinquant'anni fa
senza merletti, senza falpalà,
ché non s'addice a una modesta donna.

Voglio le mani tue mettere in croce
sul petto e veder te, cinta dei panni
antichi, che restarono molt'anni
costretti nella lor cassa di noce,

prostrata come nonna in orazione,
trepida presso il casalingo altare,
per il nemico che tentava il mare,
innamorata del suo re Borbone...

Come faremo per i tuoi capelli?
così smagliante quella massa d'oro!...
E nonna disprezzava un gran tesoro...
son troppo biondi e son troppo belli!

Li copriremo con un velo nero
o con lo scialle d'una popolana...
così la chioma non sarà profana,
ed il tuo riso diverrà severo.

Allora penserai: quanta tristezza!
mi ha vestito così come una monaca...
lo dei miei baci ti farò corona:
pecorella di Dio, ivi è dolcezza.

da Panem Nostrum

Potrebbero interessarti