Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/poesia-di-eugenio-zoppis-invettiva.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvcG9lc2lhLWRpLWV1Z2VuaW8tem9wcGlzLWludmV0dGl2YS5odG1s
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Eugenio Zoppis
    Invettiva

    Te sei chiesto com’è che un impiegato
    Dovenno trattare co’ la ggente
    Non potenno decìde propio ggnente
    Nega sempre a tutti anche er dovuto?
    Ma com’è che sto morammazzato
    Che campa per annà in penzione
    Nun abbia imparato la lezione
    Ch’è per servì l’altri che è pagato?
    E’ la rabbia co’ la vita che c’hà ‘n corpo
    Frammista a ‘na fraccata de ‘gnoranza
    Che je mette tanta strafottenza,
    Fino ar giorno che je pijasse un còrpo


    At non servus publicus tam languida agit, sed …

    Satyricon - Petronio

    Commenti

    Potrebbero interessarti