Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/poesia-di-eugenio-zoppis-i-mercanti.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvcG9lc2lhLWRpLWV1Z2VuaW8tem9wcGlzLWktbWVyY2FudGkuaHRtbA==
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Eugenio Zoppis
    I Mercanti

    La casa dei tappeti e drappi
    Profumava di ciai(1) e di cannella,
    Di pane caldo, di grida di monelli
    Nei freschi vicoli di Raqqa.


    Secolare, la rondine al tetto
    Tesseva il nido della convivenza.
    C’era pace, prosperità e speranza
    Nell’antica civita di Aleppo.


    Sotto i colpi sferrati al nido dolce,
    Il sole squarciò il muro. Con tuoni,
    E fra schegge di vetro sui divani,
    La sanguigna vite perse i tralci.


    Poi fuori al sole, come gli animali,
    Nella sabbia, in tende senza porte
    Perchè a casa di chi vende la morte
    Salga il Nasdaq di due decimali.

    (1) "Chai" e' il nome del te' in molte lingue orientali

    Commenti

    Potrebbero interessarti