Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis  
Er Tempo

Er tempo è come l’onna su la riva

Che batte er littorale e lo consuma:

Ciò che è ‘na paja, prima era ‘na spiga:

Gnisuno resta mai com’era prima.

E si l’amore fosse un serciatello,

Eterno com’Aurelio ar Campidojo,

Nemmanco er sampietrino resta quello:

Er tempo magna amore e capitello.

Si er tempo fosse poi come ‘na rota,

Ar furcro ciò che è eterno ne la vita,

Inzino er sempiterno cambia e gira,

Gira che te ritrovi a mano vota.

 

Note, ispirato dai seguenti versi:

Er tempo fija è peggio d’una lima

Rosica sordo sordo e tt’assotija

Che gnissun giorno sei quella de prima

  1. Belli