Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

autunno3
Poesia di Eugenio Montale

Niente di grave 

Forse l'estate ha finito di vivere.
Si sono fatte rare anche le cicale.
Sentirne ancora una che scricchia è un tuffo nel sangue.
La crosta del mondo si chiude, com'era prevedibile
se prelude a uno scoppio. Era improbabile
anche l'uomo, si afferma. Per la consolazione
di non so chi, lassù alla lotteria
è stato estratto il numero che non usciva mai.
Ma non ci sarà scoppio. Basta il peggio
che è infinito per natura mentre
il meglio dura poco. La sibilla trimurtica
esorcizza la Moira insufflando
vita nei nati-morti. È morto solo 
chi pensa alle cicale. Se non se n'è avveduto 
il torto è suo.

Leggi le  Poesie di Eugenio Montale

Commenti

Potrebbero interessarti