Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

solitudine
Poesia di Ettore Carriere
Solitudine

Bussano alla mia porta...
vado ad aprire.
Giro le chiavi
e, attendo...
di vederti.
Si, entra... sei tu
dolce amica
che mi tieni compagnia!
Rivederti...
mentre attendi sulla soglia
che io ti abbracci.
Vieni e giaci con me!
Quante volte
ho accarezzato il tuo sguardo;
quante volte, tante,
in cui mi prendesti la mano.
Tante quante io volli,
nel fumo dei ricordi,
stringerti a me.
Vieni... accarezzami!
Non lasciare che
questo incontro,
l'ultimo,
sia breve...
Tienimi compagnia
come facesti
ancora e ancora.
Ho preparato per te,
che aspettavo,
i miei sorrisi...
i miei rimpianti...!
Dopo andrò via anche io...
non busserai più
alla mia porta...
non ci sarò ad aprirti:
io ti lascerò,
per sempre,
ad altri cuori amanti.
A chi, come me,
teme il tuo incontro!
Il tuo,
solitudine amara,
che hai governato la mia vita;
il tuo, amante perfetta
che hai accompagnato
i mei pensieri
come ora, come adesso.
Adesso che tu
mi giaci accanto.
Ed io no, non voglio
toglierti ad altri amplessi:
lascerai la mia vita,
ed io saprò,
finalmente,
dimenticarti...