Poesia di Ernesto Celestini - Na Cosetta
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Na Cosetta

Ner sogno me presentavo a Dio

E je dicevo che ne la vita

Ho sempre fatto er dovere mio

E che c’avevo la coscienza pulita.

 

Io m’aspettavo come risposta:

 

“So che, nun sei un baciapile,

e che nun  lo fai apposta,

ma sei un cristiano più civile

De chi la domenica se batte er petto

e che poi campa pe’ famme dispetto.

Per cui, pe’ te, la porta è spalancata”

Poi ce ripensa e me dà n’occhiata:

 

“Ce sarebbe ‘na cosetta veramente,

che, a me, nun me sta bene pe' gnente,

e te devo di’, co tutto er rispetto,

che nun sei stato bono a fa l’amore”.

 

“ Come – dico io  toccato sull'onore –

Questa è 'na porcheria che v’hanno detto!”.

 

“Tu te l’aricordi l’urtima vorta

Che hai detto a tu madre, a tu fratello,

a un fijo, a ‘na donna che t’ha amato

te vojo bene, solo per piacere de dillo?

Quanno j’hai detto sei bella come’r creato?

Tu te l’aricordi l’urtima vorta?”

 

Io, co’ l’occhi chiusi, intanto ripensavo  

ai momenti de quell’amore ch’ho negato

e dell’amore mio, che nun me so goduto …

 

Me so risvejato che piagnevo,

E me mozzicavo le labbra ner rimpianto

De le tante parole pensate, ma nun dette

nell’istante, che segna  un momento,

cor quer sigillo che io nun c'ho saputo mette.

Leggi le più belle Poesie di Ernesto Celestini

L'egoismo è un vizio degli altri, difficile trovarlo nei nostri comportamenti. Di solito sentiamo di sacrificarci troppo, ma lo facciamo come un dovere sociale. Poi all'improvviso qualcuno ci dice una parola e, guardandoci allo specchio, vediamo quante cose avremmo potuto fare e dire, se solo fossimo stati meno chiusi nella nostra campana piena di un latente egoismo, che non abbiamo voluto accettare.

"Na Cosetta" tratta da "Occhi Farlocchi"

Commenti

Potrebbero interessarti