Er Campanello Poesia di Ernesto Celestini
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Er Campanello

 

Er giorno che me chiameranno

Pe’ rende l’anima ar signore

Vorrebbe arrivacce cor core

De chi nun ha fatto troppo dànno.

De uno che c’ha la coscienza

che je sòna un campanello

ogni vorta che acciacca un callo,

che je gira, e che nun c’ha pazienza.

Un campanello che sòna pure

Si se perde pe’ strada o si se scorda

ch’er tempo passa e nun guarda

si sprechi l’anni, i giorni o l’ore.

Io vorrebbe sentillo quer trillo

ogni vorta che borbotto,

che do er pilotto e che nun m’azzitto.

Quando che nun penso e strillo.

Ché poi, er tempo mio è tanto poco

Che sprecallo è proprio na schifezza

Che, però, senti quanto è zozza e puzza

Solo er momento che finisce ‘r gioco.

 Leggi le più belle Poesie di Ernesto Celestini

 

https://occhifarlocchi.wordpress.com/2019/08/16/er-campanello/

 

Commenti

Potrebbero interessarti