Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Enzo Siciliano
Me’ fanno ‘a corte

Songa na’ Giovane bell’assai
quanno cammin dint’a sti vico
chi saggira pe’mme vedè
chi fa’nu’fischio e fa’huee...hueee...

Stanno ll’ati uommini volgaroni
dicene: quant’si bona bella guagliona!!!

Io veco ca’ gente me guarda
quanno cammin ‘o faccio ‘a posta
cu’ stu sirice a ccà e ‘a llà
ca’ minigonna e ca’ bursetta
che zoccolett’ è me mett’ò russetto.

Mammà! Me’ fanno a corte
chesta gente...
Pur dint’o quartiere da Speranzella
se song grippat chesta gente.

Mammà! Stà nu barbiero
Tene’o pensiero,

Stà nu Vigile miezz’à piazza
ca’pur isso è sciute pazzo,
pe’ se’ fa na guardata
se ’mbapucchiato co’ fischio e che ’mmane
e fatt bloccà mezza Napule.

Mammà! Stà n’appuntato da’ polizia
se’fa n’affacciata ogni matine,
po’ me dice: piccirè spuset ‘a mme
a mesata do’guverno ta dong’a Tè.

Mammà! Stà nu’ baron’e Capemonte
tene nuvant’anni va’ ancora in carrozza
ten’è palazz e stà chin e’ ricchezz,

dice Mammà: nu’ fa niente figlia mia
na’ sagliuta che cè fai fa
ce’ vene l’infarto lla’pe’lla’,
accussì staio chin’è ricchezze, palazz e carrozz
tant’ò Barone ‘o quart’è sotto
a tant’ann ll’era morto.