Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

notte
Poesia di Enzo Siciliano

L’ oscurità

Io caggià nato cieco
dint’à l’oscurità
dint’à a l’ombra da notta
st’uocchie miei nu’ ponne vedè nu’ raggio ‘e sole.
Cu’ sti mmane posso tentà,
posso anduvinà, posso leggere
ma nu posso vedè.
Pa strada m’accumpagna nu cane
ca io voglio tantu’ bene,
è bravo e intelligente
e me sape accumpagnà addò mamma mia,
quanno a sera stongo dint’ò lietto
e penso a mamma mia
me vene a nulstagia,
ma di manne, comme sarrà?….
cu’ sti mmane laggia accarezzata
mille vote ma mai l’aggia potuta vedè
e cu st’uocchie, sempe chin’è lacrime,
ogni notte preg’à Madonna…,
l’aggia chiesto nu miraculo:
Se pe na vota sola me fa vedè a luce do jorno,
e si ascolta sti preghiere
c’è porto l’uocchie ‘e argento
‘nazz’è piede…