Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Enzo Siciliano
(in arte Schiattarelli)
L’Italia divisa in due

L’Italia pecché è divisa in due?
Stanne e meridionali
‘e stanne e settentrionali,
simme ddoie cape
ca’ nu vanne d’accordo maio,
il popolo del sud sono terroni,
il popolo del nord
sono polentoni,
‘e come vurria vedè
l’Italia unita ,
fra tutt’e dduie,
se’ dessero na stretta e mano,
‘o n’abbraccio
o nu saluto,
ca’ nuio simmo figlio a una mamma
la nostra Italia,
ma io credo ca’ si venesso nata guerra
fosseme tutti fratelli,
allora pecchè nu’simme frate
pure quanno stamme mpace?
Pecciò sentit’a me
Funnimelo ‘e ci piglià in giro,
si a fin’è mmò
sta bandiera è staccata
pe ‘na vota e pe sempe
azzeccamelo e nunn’a staccamme maio cchiù,
signori del nord
mangiataville sti spaghetti ca pummarola;
signori del sud
mangiataville pure vuie sta polenta;
a cussì è bello stu popolo italiano
azzeccammelo stu stivale.

Guardann’o cielo
Che notte malinconica
m’affaccio a lu balcone,
‘o cielo è russo e fuoco…
è comme o core mio!!!

E’ quase mezza notte
m’appicio na’ sigaretta,
me incanto ‘e nu me’ stango
‘e te guardà.

Nemmen’a luna se è affacciata
‘a famme compagnia,
speranne ca’ na’ stella
me’ fa luce da’ luntane.

Forse ammore aggiù truvà
pe nu’ restà cchiù sulo,
me ‘nzerr’a luce
me ‘nzerr’o balcone,

e pass’ a nuttata
aspettann’o sole
che me po dà
na bella jurnata.

Commenti

Potrebbero interessarti