Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Enzo Siciliano
A’vita ‘e nu’ pezzent

Songo solitario
cammino sulo pà strada
nu’ dico nà parola,
mango n’amico me fa coraggio.

Quanno a’sera
me voglio addurmi
pè lietto tengo a’ terra
pè cuperto tengo o’cielo;

chiove, viente,tempesta,
ma’ ripare nu’ purtone abbandonato
e faccio a’ vita e nu disgraziato,
vache circanno a carità
pè m’accattà nu’ poche e’ pane.

Pecchè Pataterno
nu’ mè faio murì?
Che ce’ campo a fa?
Stò sulo ncopp’o munno
nu’ tengo a nisciuno.

Perciò ddio me faio felice
e so cuntento...
voglio furnì e fa sta vita
e nu pezzento.

Paisiello abbandunato!
Quanta casarelle abbandunate
‘ncopp’a sta montagna!
Nu’ campanile ‘e na chiesa
se vede a luntano
e nun sonen cchiù e campane…!

Pure ‘o prevete se ne gliute …
stu paese chianu, chiano se sfollato,
sul’e viecchie so’ rimasti;
stu paese piccirillo
sta malato, sta malato assaje…
nisciune fa niente po jutà,
è destinat’a murì sulo,
sulo e sulagne…
‘ncopp’o pizzo e sta montagna!!!

Si comm’ò viento!
‘A quanne tu me lassate
sta vita mia è comme a na fronna
carut’ a ‘ncopp’a n’albero
ch’ aspetta ‘o viente
ca sciosce, sciosce lentamente,
primme ma ‘izze
e po’ me sbatte ‘nterra.