Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Emilio Praga
Tempo cattivo

Sulle logore tegole
Piombano le tempeste;
Sulle giovani tese
Irrompe l'uragano.

Femmina fatta di foco e di neve,
Sfinge, sciarada, enigma, indovinello,
Perché incombi così, tu, che sei lieve
Come un augello?

Si diffonde la nebbia;
Il comignolo fuma;
Del cervello la bruma
Tenta sciogliersi invano.

Quando sogno, il mio sogno è il tuo crin biondo,
Il crin che ondeggia quasi piuma al vento,
E il cor mi opprime come fosse il pondo 
Di un vecchio monumento.

Tuoni, baleni e fulmini
Circonvolgono il mondo
E questo globo immondo
E tutto pieno d'acqua.

Quel tuo seno ove certo il creatore
Ha il suo più bel miracolo ammirato,
Mi dà il tedio che soffre il bevitore
Che ha mal fumato.


dal Libro delle curiosità

Leggi le Poesie di Emilio Praga