Poesia di Emilio Prados - Solitudine

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Emilio Prados
Solitudine

Rimane l'acqua eretta
e percorsa da brividi
nel suo suolo di lutto
catene la memoria,
prigione e la troncata
alta torre del corpo 
contrizione nell'ombra
ancora fresco il sangue
palpitante del giorno 
che pena sopra il mondo
a castigo del tempo...

Nera, nera, nerissima è la notte,
alta come una spada...
seme della sua carne
ora lagrime e nebbia,
vive la notte di un oscuro gemere.

Oblio fecondo il suo esistere erige,
azione, amore, per il suo peccato...
Intanto laggiù il giorno
incosciente, in deliquio,
diffonde a fiotti dalla sua ferita
la sua vampa, su un bacio
nero che già la inonda....

Chi mai salverà l'ombra
e l'acqua dove muore?

Il tempo intero è un grido
muto, sopra la notte....
e l'aria, la speranza
del cielo in cui si cela.