Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-domenico-marras/poesia-di-domenico-marras-una-novella-vedova.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZG9tZW5pY28tbWFycmFzL3BvZXNpYS1kaS1kb21lbmljby1tYXJyYXMtdW5hLW5vdmVsbGEtdmVkb3ZhLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Domenico Marras
    Una novella vedova


    Miei cari stimatissimi figli,

    Adoratissimi miei orfanelli,

    Anche se siamo molto poveri

    E viviamo in un paese povero,

    Perché povera è l'agricoltura

    Della quale qui tutti viviamo,

    Ed il vostro carissimo padre

    Non è più con voi, amati figliuoli,

    Né con me, sua addolorata sposa,

    Perché volato su in Paradiso,

    La vostra carissima mammina

    Non vi lascerà morir di fame!

    Per voi, la vostra mammina cara,

    Sotto il rovente sole di giugno,

    Andrà a spigolare tra le stoppie

    Affinché non vi manchi mai il pane,

    Spesso scarso in casa dei poveri;

    Andrà nelle vigne a raspollare,

    Affinché ci sia sempre la sapa

    Per la vostra prima colazione;

    Andrà anche a raccogliere le olive,

    Affinché non vi manchi mai l'olio

    Per fare le belle focaccine,

    Delle quali siete molto ghiotti.

    E neppure quello da mettere

    Nella pentola del minestrone

    O nella padella per friggere.

    E con i sevizi domestici

    Che presterà nelle varie case,

    Vi comprerà tutti gli indumenti

    Che vi serviranno, e, forse forse,

    Riuscirà pure a comprar le scarpe.

    Commenti

    Potrebbero interessarti