Login

Poesia di Domenico Marras Nelle terre sommerse
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Domenico Marras
Nelle terre sommerse

La diga sul Rio Cuga, pur avendo

sommerso tantissima terra, è stata

una cosa bella, meravigliosa,

perché la preziosa acqua, in grandissima

misura piovana, da lei imbrigliata,

anziché andare dritta dritta al mare,

disseta la gente che stanzia a valle

e irriga, rendendola più fertile,

buona parte della Nurra algherese,

migliorando così molto la vita.

Però c'è il rovescio della medaglia:

c'è che in quelle belle terre sommerse

io vi ho lavorato mille e più giorni,

ed assieme a me tante altre persone,

e nei secoli, eserciti di gente,

per tanto, sotto quell'oceano d'acqua,

ci sono tanti miei cari ricordi,

ai quali non posso più far visita

e con loro passeggiare nei luoghi

dove li ho visti nascere e crescere,

come invece faccio con i ricordi

di Su Piubere, Banzoso, Cambone

e quasi tutte le campagne di Uri

che mi han visto bracciante o pastorello,

ma devo aspettare che siano loro

ad emergere ed a venire da me,

inzuppati d'acqua e morti di freddo.

Leggi le più belle Poesie di Domenico Marras

Commenti

Potrebbero interessarti