Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Domenico Marras
Mancato suicidio


Accecato dall'ira
Contro non si sa chi,
Inseguivi la morte,
Che correva dritta
Verso un burrone,
In fondo al quale,
Certamente, saresti
Precipitato e morto.
Però, fortuna volle,
Che la tua sensibile
Anima capì subito,
E per tempo, l'atto
Gravissimo, insano,
Che, scioccamente,
Stavi per compiere;
E in preda alla paura
Incominciò ad urlare.
E urlò cosi tanto e forte
Che restasti pietrificato.
Dopo un poco, ripreso
A circolare il sangue,
Desistesti dal disegno.
Ed oggi sei, grazie
Alla tua anima santa,
Ancora vivo, ad anche
Felicissimo di esserlo.