Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesie di David Herbert Lawrence -madre
Poesia di David Herbert Lawrence

La madre vergine

Mio piccolo amore, mia cara,
una soglia eri per me,
e uscir mi facevi dai confini
in questa terra straniera dove
come cardi s'affolla la gente,
seppur piacevole a vedersi e decorosa.

Mio piccolo amore, mia carissima,
per due volte mi hai generato:
una dal ventre tuo, dolce madre,
l'altra dall'anima, libero
per rendermi d'ogni cuore, mia diletta,
libero d'entrare in tutti i cuori.

E così, mio amore, madre mia,
sempre ti sarò fedele.
Due volte son nato, mia carissima:
in te, alla vita e alla morte
ed è questo l'aldilà della vita
dove son io fedele.

Ti bacio nell'addio, mia cara,
ora son diverse le nostre vie;
tu un seme sei nella notte,
un uomo io, che deve arare
la difficile terre del futuro
per far germogliare il seme.

Ti bacio nell'addio, mia cara,
qui è finita tra noi. .
Oh, foss'io calmo come tu sei,
dolce e quieta nella tua bara!
Dio, Dio! non dovessi lasciarti
sola, mia diletta.

È stata detta l'ultima parola ormai?
Pronunciato è l'addio?
Dammi la forza di lasciarti
ora che sei morta.
Debbo andare, ma senza speranza resta
l'anima mia al tuo letto accanto.

Leggi le Poesie di David Herbert Lawrence

Commenti

Potrebbero interessarti