Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 








Poeti Emergenti
Al mio angelo
di Daniela Pozone









A te,

a te che mi hai aiutato a muovere i primi passi,

a te che hai ascoltato le mie prime parole,

a te che mi sei stata sempre accanto e che mi conosci più di chiunque altro

a te, e solo a te, va il mio pensiero.

A te che ci hai lasciato troppo presto ma che, forse, era giusto così.

Non scorderò mai gli scherzi, i giochi e le risate che ci hanno rese complici per quasi quarant’anni. Ricordi quella Pasqua? Quella in cui, di notte, abbiamo mangiato di nascosto quell’enorme uovo rischiando di sentirci male. E le passeggiate a Villa Borghese, al Parco Massari, al Parco Pareschi; le canzoni che mi cantavi, le favole che mi raccontavi e ancora, le giornate in riva al mare o al montagnone o quando, da piccola, cercavi di farmi mangiare la minestrina in brodo ed io, da bricconcella, tappezzavo di stelline le pareti della cucina facendoti disperare; quando andavamo a fare la spesa ed io chiedevo “l’olilla”; quando minacciavi di darmi una “pista” o quando dopo gli esami di maturità, da sonnambula, ti venivo a svegliare nel cuore della notte raccontandoti cose senza senso.

Tu, ci hai regalato momenti bellissimi ed ora ti sei addormentata e, dolcemente, sei volata da lui, da lui che da anni ti attendeva pazientemente. Vi siete ricongiunti, ritrovati e amati nuovamente ed ora, mano nella mano, ci guardate dalla vostra nuova casa.

Il non averti più qui, al nostro fianco, ci fa male ma forse dovremmo smettere di essere egoisti e gioire del fatto che tu hai raggiunto la gioia, quella vera ed eterna e che, con lui, continuerete a vegliare su tutti noi proteggendoci, indicandoci la strada o anche sgridandoci ma sempre amandoci come solo voi due avete saputo fare.

Grazie a voi noi siamo quelli che siamo e non smetteremo mai di ringraziarvi.








































L'elenco dei nostri amici poeti











 

Potrebbero interessarti