Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Charles Baudelaire
L'orologio

Orologio! dio sinistro, spaventoso, impassibile!
il cui dito ci minaccia e ci dice: Ricordati!
come dentro un bersaglio, nel tuo cuore atterrito
stanno per infiggersi i vibranti Dolori;
il vaporoso Piacere svanirà all'orizzonte

come fugge una silfide in fondo alla scena;
ogni istante ti mangia un pezzo di quel bene
che è concesso ad ognuno per la sua stagione.
Tremilaseicentovolte in un'ora, il Secondo
bisbiglia:  «Ricordati!».- Con quella sua voce
da insetto, Ora dice: «Sono già Allora, e veloce
ti ho pompato la vita col pungiglione immondo! 
Remember! Souveniens-toi! sciupone! Esto memor!

(parla tutte le lingue la mia gola metallica) 
Son sabbia i minuti, spensierato mortale,
da non lasciare scorrere senza cavarne oro!
Ricordati che il tempo è un giocatore ingordo
che vince senza barare, a ogni mano! è la legge.
Ricordati!Il giorno decresce; la notte aumenta;
l'abisso ha sempre sete;la clessidra si svuota.
Presto suonerà l'Ora in cui il Caso divino,
l'angusta Virtù, tua ancor vergine sposa,
lo stesso Pentimento(ah!ultimo rifugio!)
tutto ti dirà: Muori! E' tardi ormai, vecchio pauroso!
 

Leggi le più belle Poesie di Charles Baudelaire

Potrebbero interessarti