Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesie di Charles Baudelaire
Poesia di Charles Baudelaire

L'anima del vino

Una sera, l'anima del virto dentro le bottiglie
così cantava: « Uomo, caro diseredato,
da una prigione di vetro e ceralacca vermiglia
levo a te un canto di luce e di fraternità!

So bene quanto occorre, sulla collina in fiamme,
di fatica, di sudore e di sole cocente
per donarmi la vita e infondermi quest'anima,
ma non sarò malvagio né irriconoscente,

perché provo una gioia immensa quando piombo
nella gola d'un uomo logoro di fatica;
per me il suo petto caldo è una dolce tomba .
e ci sto assai meglio che nelle mie fredde cantine.

Sentì come fervono i ritornelli delle domeniche
e la speranza gorgheggia nel mio seno esultante;?
I gomiti sulla tavola, rimbòccati le maniche:
tu mi glorificherai e sarai contento;

accenderò lo sguardo della tua donna invaghita;
restituirò a tuo figlio la forza ed i colori,
sarò per questo fragile atleta della vita
come l'olio che i muscoli rassoda ai lottatori.

Dentro di te cadrò, vegetale ambrosia,
prezioso seme gettato dall'eterno Seminatore
perché dal nostro amore nasca la poesia
che sprizzerà verso Dio come uno strano fiore!! ».

Traduzione di Luciana Frezza

Leggi le più belle Poesie di Charles Baudelaire

Commenti

Potrebbero interessarti