Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Arlecchino
Poesia di Carnevale
di G. Martinelli

Il vestito di Arlecchino


Stan le allegre mascherine
strette attorno alla lor mamma
ch'e davvero molto stanca:
da più giorni taglia e cuce
cuce e taglia senza posa
variopinti costumini
per Gianduia e Meneghino
Pulcinella e Pantalone
Stenterello e Rugantino
ma pel povero Arlecchino
nulla ancor ha preparato..
E domani Carnevale:
tutte insiem le mascherine
dovran vispe folleggiare;
e lei, povera mammina,
cerca e fruga dappertutto
fruga e cerca sempre invano.

Cassettoni ha ribaltato
armadietti e cassapanche,
neppur l'ombra di una pezza
per il povero Arlecchino
le riesce di trovare...
Ma un'idea meravigliosa
le balena all'improvviso:
coi ritagli avanzati
degli altri vestitini
tutto a scacchi un abituccio
potrà ancora preparare.
Mezzanotte è già suonata,
ma felice veglia ancora
quella mamma industriosa,
ché il più allegro dei vestiti!
Arlecchin potrà indossare. 

Leggi le Poesie di Carnevale

Commenti

Potrebbero interessarti