Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Carnevale, Poesie di Carnevale, Filastrocche di Carnevale


Poesia di Carnevale
di Ferdinando Russo

Pulcinella

Pulcinella, sott' 'o pergulato,
comme se dica a lengua malandrina
miezo vevuto e tutto nnammurato
abbocca 'a cafattera a Culumbina.

Tu si' nu franfellicco nzuccarato!
Tu si' na rosa ' e maggio senza spina!
De sta cantina 'a frasca m'ha chiammato
e tu si' 'a cantenera 'e sta cantina!

Io, tale e quale 'o sguìzzaro mbriaco,
vevenno sempre d' ' a matina a' sera,
pe' nun te lassà mai, nun me vaco!

E, surchianno 'a cannòla, 'e chist'ammore
dice, cu nu suspiro, a' cantenera:
Nu' cchiù, cannòla mia, ca Giorgio muore!...