Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Carlo Porta 
Ona favola

M’han cuntaa che Porcinella
on dì el fava el prepotent
menestrand con la cannella
bott a tucc allegrament.

El sur Lelli, el Dottorazz,
el Tartaja, el Pantalon
n’han faa e ditt de tutt i razz
per redull alla reson.

Ma co pù ghe la pettaven
reussiven a nagott
e de gionta anca buscaven
quaj razion doppia de bott.

L’era appunt in sto travaj
la gran cà de Romanin
quand ghe riva proppi a taj
el famoso Truffaldin;

Truffaldin, che l’eva staa
al servizzi, d’ona stria,
el gh’aveva giust grippaa
on bacchett con la magia.

E con quell l’è andaa a incontrà
quell birbon de Porcinella
e spliff splaff te le mett là
incantaa lù e la cannella.

Malapenna che l’han vist
dur e immobel come on mort,
foeura tucc i baracchist!
ghe n’han faa de tutt i sort,

gh’han daa bott, gh’han spuvaa in faccia,
gh’han ditt robba malarbetta,
ma i pù spert a dagh la caccia,
i pù brav hin staa i poetta.

Quist che chì ghe s’hin taccaa
come can per i lustrissem
e gh’han scritt e gh’han stampaa
perarij proppi bellissem.

Ma coss’è!... se romp l’incant,
Porcinella el torna viv;
alto, a gamb, mollen tucc quant
quij che baja e quij che scriv.

Ora mò cossa credii
che nassess de sta lezion?...
Ch’abben miss el coo a partii!
Andee là che sii ben bon.

Per fortuna Porcinella
l’è andaa ai quondam a fà cà,
se de nò serem a quella
de vedej anmò a scappà.


Carlo Porta vive in una condizione culturale completamente differente da quella di Giuseppe Gioachino Belli, l'altro grande poeta dialettale del tempo. La Milano del periodo che va dalla fine del Settecento all'inizio dell'Ottocento è una città ben diversa dalla Roma papalina. Milano è una città aperta alle influenze del moderno e può avvicinarsi all'ideologia illuminista prima, e a quella romantica poi. Se in Belli il dialetto è momento prettamente eversivo, in Porta la scelta di una lingua diversa da quella ufficiale rappresenta soprattutto la ricerca di uno strumento in grado di aderire plasticamente alla materia trattata. Si tratta della scelta di una lingua minore, ma non per questo meno colta. Una lingua in cui il poeta inserisce numerosi elementi (onomatopee, francesismi, latinismi) per creare un irripetibile impasto linguistico.