Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Carlo Porta
Ah, Lustrissem...

Ah, Lustrissem, quest chì l'è anmò on sorbett,
l'è on zuccher fioretton resguard al rest;
el sentirà mò adess el belI casett
che gh'eva pareggiaa depos a questo
Proppi vera, Lustrissem, che i battost
hin pront come la tavola di ost.

Dopo sto pocch viorin, gris come on sciati
corri a cà che nè vedi nanch la straa,
foo per dervì el portell, e el troeuvi on tratt
nient olter che avert e sbarattaa...
Stà a vedè, dighi subet, che anca chì
gh'è ona gabola anmò contra de mì.

Magara inscì el fudess staa on tema al lott,
che almanch sta voeulta ghe lassava el segnI
Voo dent... ciappi la scara... stoo lì on bott,
doo a ment.., e senti in suj basij de legn
dessora inscimma arent al spazzacà
come sarav on sciabel a soltà.

Mi a bon cunt saldo lì: fermen del pè
della scara... e denanz de ris's cià on pien
col fidamm a andà sù, sbraggi: Chi l'è?
Coss'en disel, Lustrissem, vala ben?
A cercà rogna inscì per spassas via
al dì d'incoeu s'è a temp anch quand se sia.

Intant nessun respond, e sto tricch tracch
el cress, anzi el va adree a vegnì debass...
Ghe sonni anmò on Chi l'è pù masiacch,
ma oh dess! l'è pesc che nè parla coj sass;
infin poeù a quante mai sbraggi: Se pò
savè chi l'è ona voeulta, o sì o no?

Cristo! quanti penser hoo paraa via ;
in quell'attem che seva adree a sbraggià!
M'è fina vegnuu in ment, Esuss Maria!
ch'el fuss el condam feticcio de cà,
ch'el compariss lì inscì a fà penitenza
de quij pocch ch'el s'è tolt sulla conscienza.

EI fatt l'è ch'el fracass el cress anmò:
e senti ona pedanna oltra da quell
proppi d'ona persona che ven giò;
mì allora tirem lì attacch al portell,
chè de reson, s'el se le voeur cavà,
l'ha de passà de chi, l'ha de passà.

Ghe semm nun chì al busilles: finalment
vedi al ciar della lampita de straa
a vegnimm alla con tra on accident
d'on cavion frances de quij dannaa,
che inscì ai curt el me dis: Ett vo el marì
de quella famm, che stà dessora lì?

Mì, muso duro tant e quant e lu,
respondi: Ovì, ge suì moà, perchè?
Perchè, el repia, voler famm Monsù
l'è trè giolì, sacher Dieu, e me plè.
O giolì o non, ghe dighi, l'è la famm
de moà de mì, coss'hal mò de cuntamm?

S'è che moà ge voeu coccé cont elle.
Coccé, respondi, che coccé d'Egitt?
Ch'el vaga a fà coccé in Sant Raffajell,
là l'è elloeugh de coccé s'el gh'ha el petitt!
Ch'el vaga foeura di cojon, che chì
no gh'è coccé che tegna. Avé capì?

Cassa dianzer ghe solta, el dis: Coman!
A moà cojon?, e el volza i man per damm.
Ovej, ch'el staga requi cont i man,
ch'el varda el fatte sò de no toccamm
se de nò, Dia ne libra! sont capazz...
e lu in quell menter mollem on scopazz.

E voeuna e dò! Sangua de dì de nott,
che noi se slonga d'oIter che ghe doo!
E lu zollem de capp on scopellott.
Vedi ch'el tend a spettasciamm el coo,
e mì sott cont on anem de lion,
e lu tonfeta! on olter scopazzon.
Ah sanguanon.! A on colp de quella sort
me sont sentuu i cavij a drizzà in pee,
e se noi fudess staa che i pover mort
m'han juttaa per soa grazia a tornà indree,
se no ciapi on poo d'aria, senza fall
sta voeulta foo on sparposet de cavall!

da Poesie, vv. 61-138


Ah, Illustrissimo, questo qui è ancora un sorbetto, è uno zucchero sopraffino rispetto al resto. Sentirà ora il bel casetto che stava apparecchiato dopo di questo. Proprio vero Illustrissimo, che le batoste sono pronte come la tavola degli osti. Dopo questo po' po' di suonata, grigio come un rospo corro a casa che non vedo neanche la strada, faccio aprire il portello e lo trovo, a un tratto, nientemeno che aperto e spalancato... Sta a ved:
dico subito, che anche qui c'è una trappola ancora contro di me. Magari fosse stato un terno al lotto, che almeno questa volta ci avrei azzeccato! Vado dentro... infilo la scala sto lì un attimo, faccio attenzione... e sento sui gradini di legno, di sopra, in cima, vicino al solaio qualcosa come sarebbe una sciabola che salta. lo: a bu?n conto, fermo lì: mi arresto
al piedi della scala... epnma di rIschiare un guaio col fidarml e andar su, grido: «Chi è?
Cosa ne dice, Illustrissimo, va bene? A cercar rogna così per divertirsi, al giorno d'oggi s,è tempo anche quando che sia. Intanto nessuno risponde, e questo tricch tracch cresce anzi sèguita a venire dabbasso... Gli suono ancora un «Chi è?» più forte, ma oh adesso! è peggio che parlare coi sassi; infine poi a quanta più voce grido: «Si può sapere chi è buona volta, sì o no?». Cristo! quanti pensieri ho cacciato via in quell'attimo ch'ero dietro a gridare! M'è fino venuto in mente, gesummaria!, che fosse il defunto affittacase che comparisse lì così a fare penitenza di quei pochi peccati che s'è tolto sulla coscienza. Fatto sta che il fracasso cresce ancora; e oltre a quello sento un rumore di piedi, proprio di una persona
che vien giù; io. allora mi tiro lì accosto al portello, chè di ragione, se vuole svignarsela, ha da passar di qui, ha da passare. Ci siamo noi quI al busillis: finalmente vedo, al chiaro della lampada di strada, venirmi incontro un accidenti d'un capellone francese di quelli dannati che così alle corte mi dice: «Ett va el mari de quella famm, che sta lì disopra?". lo, muso duro tanto quanto lui, rispondo: «Ovì, ge suì moà, perché?». «Perché», riprende, «voter famm Monsù l'è trè giolì, sacher Dieu, e me plè». «O giolì o non», gli diço, «l'è la famm de moà de mì, che cos'ha mo' da contarmi?» «S'è che moà ge voeu coccé cont ell». «Coccé rispondo, «che coccé d'Egitto? Cha vada a far coccé in San Raffaele. Là è il luogo di cocce: se ne ha voglia! Che se ne vada fuori dai coglioni, ché qui non c'è coccé che tenga. Avé capì?» Cosa diavolo gli salta, dice: «Coman! A moà cojon?» e alza le mani per darmele
Ohi, che stia fermo con le mani, guardi il fatto suo di non toccarmi, sennò dio ne liberi, so capace... e lui in quel mentre giù uno scapaccione. E una e due. Sangue d'un cane, che non s'allunghi più che gliele do! E lui mi molla un altro scappellotto. Vedo che tende a spiaccicarmi la testa, e io sotto con un animo da leone, e lui, tònfete! un altro scapaccione.
Ah sangue del demonio! A un colpo di quella sorta mi son sentito i capelli rizzarmisi in piedi, e se non fosse stato che i poveri morti mi hanno aiutato, per sua grazia, a tornare indietro, se non prendo un po' d'aria senza fallo questa volta fo uno sproposito bestiale!


Potrebbero interessarti