Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Racconto di C. Giannelli
Donatore di sangue

Me te ricordo sempre tale e quale, cor sighero 'n bocca pennoloni, dannote da fà a dà 'na mano, cercanno d'aiutà chi più sta male! Me te ricordo sermpre tale e quale, annanno 'n giro a convince quello, a rintuzza er talaltro e puro ter tale, parlanno co' Giovanni, Antonio e Nello! Donare er sangue-dichi- dev'esse 'n sentimento che dar fonno der core che stà drento, esce de fora puro e rinnovato, senza curasse de perchè c'è stato! Donare er sangue-dichi-è come 'n macchiavello: 'na goccia de Roma và a Milano, pe' cui co' questo, quello è tu fratello: er parentato tuo è cio ch'è umano!