Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Carlo Giannelli
Filu e ferru

Pe' fregà er Dazio e avè pieno er bricco,
che fà er pastore ner chiuso de "sa lolla"?
...Co' le mano...strizza la mammella...
...mentre lo sguardo fissa...l'allambicco!

Quanno che dar vitigno...goccia doppo goccia,
sorte "er core" da l'amato tralcio,
...cor profumo anniscosto da l'odor de cacio...
...distilla tranquillo...più de 'na boccia!

Pe' evità, poi, d'avè li piedi a mollo...
je lega 'n fil de ferro intorno ar collo...
nisconne le bocce ne le fratte der terreno,
...lassanno 'n filo fora...ar più der meno!

Quanno, che poi, se sente sazzio e fiero...
...pe' la cordula magnata in sieme ar pecorino...
..e pe' le costolette de capra e porcellino,
sorte de fora a ripescar quer ferro!

Cagliari 201