Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-carlo-giannelli/poesia-di-carlo-giannelli-er-botto.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktY2FybG8tZ2lhbm5lbGxpL3BvZXNpYS1kaS1jYXJsby1naWFubmVsbGktZXItYm90dG8uaHRtbA==
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    Poeti Emergenti -
    Poesia di Carlo Giannelli -
    Er Botto -


    Disse a 'na stella 'n foco artificiale,

    durante la festa der Santo Patronale:

    "Quanto sò bello, quanto sò elegante,

    nu' so' mejo de te...nu' so' 'nportante!"

    "Guarda che manto, guarda puro er drento,

    c'ànno lavorato cento e più colori,

    so' rivestito de boccioli de fiori...

    nu' cio' bisogno mica der confronto!"

    Quanno, però, rimase 'na fumata

    e caddero li cocci doppo er botto,

    je rispose quella come 'n dotto:

    "Stella ce diventa chi c'è nata!"

    Commenti

    Potrebbero interessarti