Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

panchinagiardino
Poesia di Carlo Betocchi

La panca contadina

Odi il canto del gallo, odi le prime
campane, cosi come tu sei, ora,
da stanca suppellettile, mio cuore,
come quando è mattina
nella vecchia cucina, 
la panca contadina, e tutti dormono;
che pur se tra le fibre ti si legga
ancora picchiettato d'albe e canti

di galli, ben poco hai appreso, cuore,
dalla vita già verde; 
e ormai nient'altro costi,
ridotto a intagli e tacche come sei,
che quel che vale ciò che sempre serve.
Perciò, già che sei vecchio, e tutti passano
su di te levigandoti,
chi per suo agio chi per baloccarsi,
bada a non metter schegge che feriscano
le giovinette carni ai più bambini,
via via che più tarmato e secco sèi
e più 'prossimo a farti poca cenere 
al primo odor di bruciaticcio...

(Da L'estate di San Martino, 1961)
Un'analogia fra l'attempato poeta e un vecchio oggetto (stanca suppellettile): la panca contadina; ma la lirica è anche elegia della vita trascorsa (già verde), dei dolori patiti da un cuore sensibile (ridotto a intagli e tacche: e ricorda quello montaliano, scordato strumento), e speranza di pace per le nuove generazioni.

Leggi le Poesie di Carlo Betocchi




TAGS: