Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Arpad Toth
Da anima ad anima

Stanotte sto alla finestra
e attraverso la lontananza
nell'occhio raccolgo la luce
di una stella tremante.

Attraversa bilioni di miglia,
corre in spazi gelati,
neri e aridi, senza stancarsi,
chissà da migliaia di anni.

Questo messaggio del cielo
ora mi arriva nell'occhio,
e là muore felice, mentre
chiudo le stanche palpebre.

Per gli scienzati, lo so io
questa luce è messaggero,
di lontani mondi e vite
a noi parenti, è testimone.

La assorbo totalmente
diventa mio sangue,
e mi chiedo qual è il legame
tra cielo e terra, tra luce e sangue.

Magari soffrono le stelle,
milioni di solitudini perse
nello spazio, e non ci ritroviamo
mai più in questa gelida notte.

Non piangere stella!
Dei cuori umani non sei più lontano!
Qual è la maggior distanza:
Il Sirio o il mio compagno?

Ahimè, amicizia, ahimè amore!
Ahimè la via tra le anime!
Ci mandiamo sguardi stanchi
e tra noi c'è lo spazio gelante.

1923