Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


Poesie per aprile
Poesia di Amina Magnani
Tesoro diventa l'amica
Hai visto discender dal monte
sgorgato da un'umile fonte
il rivo sottile sottile
o sciolto dal gelo in aprile?
Si china a baciarlo. l'erbetta;
di fresca rugiada una stilla
ascosa, silente gli getta;
ma il piccolo dono scintilla.
Un fiocco d'argento nel cielo
s'indugia un istante a guardare,
poi strappa un po' del suo velo,
lo fonde, lo lascia cascare.
Continua la corsa giulivo,
con piccoli balzi festosi,
più rapido il piccolo rivo,
fra rovi, fra clivi sassosi.
Si cerca, si scava la via.
Se trova un fratello esitante,
l'accoglie e il fratello s'avvia;
si dona sicuro, festante.
Prosegue con nuovo vigore
la corsa attraverso il pianoro,
portando agli armenti, a ogni fiore
un dolce prezioso ristoro.
E avanti! Più avanti! Più avanti!
Ur. ponte congiunge le sponde,
velieri e motori pulsanti
galleggian leggeri sull'onde.
Il rivo piccino piccino
è un fiume solenne, possente,
che al mare dirige il cammino.
Lo guarda ammirata la gente.
Chi osa, resiste, fatica,
si forgia da solo il destino.
Tesoro diventa la mica,
La goccia, il fuscello, il soldino.

Commenti

Potrebbero interessarti