Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Diego Valeri 
Per sapere la gioia dell'Aprile 

Per sapere la gioia dell'aprile,
bisogna, amici, uscir per i sobborghi,
mirare il cielo, le vie dorate e gli orti,
e i colli che traspaiono laggiù.

Serenità divina! azzurro e azzurro! ...

I carrettieri passano cantando;
si rincorrono i bimbi strepitando;
Stan sull'uscio le donne a comarò.

Una gallina ci attraversa il passo,
e becca ai nostri piedi un verme rosso;
gli anitroccoli biondi accanto al fosso
si spulciano con gaia alacrità...

Prime foglie tremanti su la rama
nuda, o lucenti sulla terra bruna!
Si vorrebbe baciarle ad una ad una,

piangendo di dolcezza e di bontà.

Ecco un pèsco fiorito, più soave
di soave fanciulla adolescente,
ecco un ciliegio più forte e splendente
dell'uomo arriso dalla gioventù.

Una distesa d'orti. In primo piano:
selvette d'insalata ricciolina,
viali d'aglio, qualche testolina
di fagiolo che spunta a far cucù;

dietro: tappeti di varia verdura
distesi in simmetria, tende pezzate,
molli trapunte scure fiocchettate
di verze gialle e cavolfiori blu;


nello sfondo: robinie che la guazza
ha ingioiellato di puri diamanti,
un filare di pioppi palpitanti...
e il cielo azzurro... la serenità!

Si va col passo dei conquistatori,
col cuore acceso nell'aperta mano.
Vogliam gettarlo, amici, al ciel lontano,
o al balcone che primo s'aprirà?..

Fin dal primo verso il poeta sottolinea la particolare sensazione di gioia che suscita questo mese e ti invita ad assaporarlo in tutta la sua completezza, immergendoti nella natura.
Nello sfondo azzurro spiccano le figure sulle quali il poeta sofferma la sua attenzione; ognuna di esse ti è presentata con il suo particolare carattere: tutte insieme formano una scena piena di animazione.
Considera con quanta garbata delicatezza il poeta passa dall'osservazione delle persone a quella degli animali che meglio si adattano al quadro, cogliendoli nel loro aspetto più caratteristico.
La natura trasformata dal lieve tocco dell'Aprile ti è presentata in tutti i suoi particolari: per ognuno di essi l'autore trova una similitudine appropriata, che ne aumenta la grazia.
Il Valeri si compiace di offrirti, sotto forma di visioni fresche e liete, le primizie degli ortaggi, facendole risaltare da uno sfondo dove si allineano le sagome di alberi suggestivi.

Nota come nella lirica, pur tra le immagini poetiche, sia seguito un filo logico; il sereno azzurro che già precedentemente il poeta aveva schiuso al tuo sguardo, torna ora in questo lembo di cielo.
Nell'ultima strofa è espresso il particolare stato d'animo che tu stesso avrai provato talvolta in una festosa giornata di primavera: ti sembra di andare alla conquista di un mondo nuovo, col cuore pieno di slancio gioioso.

Commenti

Potrebbero interessarti