Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 
Poesia di Antonio Lepore
A Umbèrte Giurdane

Pe fa' poste a tè, Lanze se n'è jiute,
t'hanne date na chiazze grosse assaje,
pe quande è fatte, quacche cose è vute,
cum'è nu penziunate te ne staje

e da figghje tuje attarallate,
vide pass' e spass' i fuggiane,
quilli frate tuje chè t'hanne amate
sèmbe, pure quanne stive lundane.

Si' pinzeruse, te vuje arrecurda':
'a Fedora, l'Andrea Sceniè, 'u Re
cke tutte l'opere ch'è sapute fa'.
I passarille se posene pecchè,
te vonne dusceta' pe putè 'mbarà'
quacche museca bèlle fatte da tè.


 


Potrebbero interessarti