Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Tony Basili
Profumo di corteccia

Talvolta ricordo che qui vicino
I ragazzini correvano a frotte
A ruba bandiera o a nascondino,
Ma tante volte facevano a botte
Era una sfida per chi era più forte
Che vittorioso si faceva una corte.

Ora son tutti spariti e la piazza
E' sempre vuota tranne che i giorni
Di ambulatorio ove talun si sollazza
Per i malanni gli acciacchi e gli scorni
Di questo e quell'altro come una saga
E dei fattacci d'ognuno s'indaga.

Stanno seduti a uno spiraglio di sole
Che pure d'inverno in piazza riscalda
Le povere membra di cui ognun si dole
E si rassegna pur il cor dell'Ubalda
Che passa altera e non cura la gente
Che l'accompagna a sparir, maldicente.

...Son scanditi i giorni a Roma dal cane
Che porto al mattino a Villa Pamphili,
Qualche volta penso è ciò che rimane
Di tutti i vani impegni civili,
Che il tempo passa e pare chiaro
Che serve una filosofia da somaro.

Ma il domani pur qui sempre mi manca
E mi torna, di ieri o l'altro, il ricordo
Che lieto con lei stavo sulla panca
Sicuro nel volo come un bel tordo,
un'ora preziosa, e mi colpì la sua freccia
e il profumo che ho ancor di corteccia.

14.10.14