Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Tony Basili 
Sei bello! 

Verso noi vidi venir una barca
Su cui un vecchio c'era con un gran remo
Che la guidava, di gente affranta carca,
E quando sopra magari monteremo,
Pensavo allor, ché emanava un gran fetore,
Certo peì'l gran puzzo ci tureremo,
Ma il vecchio abituato a tale afrore,
Se la rideva e con la barca ratta
l’acqua solcava, impregnata di dolore,
sempre a fare stracolma la tratta
Dall’una sponda all’altra dell’Acheronte
Traghettando la ciurma sì disfatta.
Montati che fummo sopra non fur conte
Quelle facce abbruttite dal dolore,
Ma a guardare meglio, scorsi di fronte
A me, uno che osservava con stupore
L’amico mio caro, che m’era accanto,
Da parer sul punto da gridargli amore:
“ma tu non sei Virgilio, o Dio santo?!
Ch’anche tu nascesti dalla mia terra,
di cui ognuno di noi può menar vanto,
ma la purezza tua com’è che qui si serra,
ché in tanti a seguire fummo i tuoi passi
per star al ciel piacenti? ma pur ci serra
tale serraglio, ché non giunto il salvatore
con la parola a mutar era  la nostra mente,
e qui  finimmo, tra questa gente incolore,
dove pur il miasma del monte si sente,
ma ci conforta che da tal pattume
sarà un dì salvo chi visse moralmente!”
Io con gli occhi rossi per lo fume
Osservavo quello che parlava al duca
E mi chiedevo se mai era quel lume,
Che pur seguii, e di che Mantua luca,
E capii quindi ch’era proprio Sordello
Conterraneo del mio duce che m’alluca,
Che chinato e umile davanti a quello
Sospirando lo baciò e disse: “sei bello!”


21.9.18 

Potrebbero interessarti