Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonio-basili/poesia-di-tony-basili-petrella.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pby1iYXNpbGkvcG9lc2lhLWRpLXRvbnktYmFzaWxpLXBldHJlbGxhLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poeti Emergenti
    Poesia di Tony Basili 
    Petrella 

    Quando l’aurora il sol sospinge in cielo

    Sparge liquor d’argento il colle e il piano,

    l’erba dei prati ricopre d’un velo

    Di tenui fili retti da lontano

    E una dorata luce l’attraversa

    Che di fulgore tutta par aspersa,

    Poi ogni cosa inizia a fumigare

    Come camino d’orbale casolare.

    E’ un vago sogno tra dorate gole

    Tra le pendici di montuose stole

    Ove un angelo con i baffi neri,

    Pari al poeta, per arcani sentieri,

    Fece discender col suo poter arcano

    in questa valle chiusa, ove dal piano

    s’erge un colle di ruderi famosi

    tra lentischi e ginestre portentosi,

    di blocchi squadrati dall’erta scossi

    dal forte vento, e scesi giù nei fossi.

    Ché qui alcuno sentia verun pudore

    di ricordare i tempi in cui il valore

    dei signor della Feltria, conti Guidi,

    dusser qui l’insegne dagli marini lidi

    ed in torri e palazzi poser dimora

    il cui splendor nelle vestigia è ancora.

    L’angelo fisse gli occhi a un fatto strano

    Che nella contrada v’era un che d’arcano:

    che tutti parean periti gli augelli

    o volar non sapean né far saltelli:

    eran immobili su trespoli di paglia

    fatti di lattoni e secca ramaglia

    e da tanto parean non esser vivi

    né conoscer il cielo di quei clivi

    sui quali scender dalla diruta torre

    coll’ali lievi, ove il Marecchia corre,

    tra i borghi, che son dai tempi antichi

    e le scure glebe di campi aprichi,

    e a lor si pon solerte ad insegnare,

    sebbene morti per farli volare.

    Si misero quelli a un tratto a roteare

    le spente luci e l’ali a remigare,

    Presero poi a lanciarsi dalle torri

    Che avean visto solo nibbi ed astorri.

    Una dimora fu a tal prodigio vista

    Sorger tra prati come un’ametista

    Ove ora s’ ozia in dolce compagnia

    Tra svaghi e favoleggi in allegria

    Che come tesori nascono dal cuore

    Sol per unione e vincolo d’amore.

    30.12.99

    Commenti

    Potrebbero interessarti